La Lombardia omaggia Raffaello e i suoi "custodi"

Due mostre, due cataloghi e un programma in divenire di respiro regionale, destinato a tessere, tra Milano e Brescia, un itinerario dedicato all’eredità di Raffaello e a coloro che, nelle città lombarde, sono stati i lungimiranti custodi del suo mito universale.A conclusione dell’anno che celebra il cinquecentenario della morte dell’Urbinate – che per la verità non ebbe in vita specifiche relazioni con il territorio lombardo – inaugura tra Brescia e Milano, per poi allargarsi ad altri centri della Lombardia, un ricco calendario di appuntamenti in varie tappe, che, tra ottobre 2020 e marzo 2021, celebrano l’artista attraverso l’eredità di alcune autorevoli figure lombarde. Le iniziative sono il frutto di un concerto di istituzioni – dalla Fondazione Brescia Musei al Castello Sforzesco, dall’Ateneo di Brescia all’Accademia Carrara di Bergamo, dalle Civiche Raccolte d’Arte di Palazzo Marliani Cicogna di Busto Arsizio all’Accademia di Belle Arti di Brera – destinato ad accogliere nuove adesioni.Giovanni Carnovali, detto il Piccio, Redentore, 1829, matita su carta bianca, Brescia, Musei Civici, Gabinetto Disegni e StampeTra gli eventi di punta si inseriscono due mostre fortemente incentrate sulla valorizzazione dei patrimoni bresciani e milanesi, che indagano la figura di Raffaello attraverso due protagonisti illuminati della stagione culturale ottocentesca lombarda: Paolo Tosio e Giuseppe Bossi. A Brescia, il Museo di Santa Giulia ospiterà, dal 2 al 10 gennaio 2021, la mostra Raffaello. L’invenzione del divino pittore, a cura di Roberta D’Adda, una collezione di stampe d’après Raffaello, realizzate in Italia e in Europa dall’inizio del Cinquecento alla metà dell’Ottocento, insieme a una scelta di dipinti e oggetti d’arte. Come anticipa la curatrice, la mostra abbraccia un periodo che, dal Cinquecento, si allunga fino a metà Ottocento, intrecciando il racconto della produzione incisoria con quello del collezionismo bresciano. Un “tuffo” tra le incisioni. Ecco perché la mostra di Brescia piacerà a un pubblico ampio “I visitatori – spiega D’Anna – lasceranno la mostra innamorati dell’incisione. Per avvicinare i linguaggi alla contemporaneità proporremo anche un experience show multimediale e immersivo realizzato per avvicinare il linguaggio dell’incisione alla sensibilità contemporanea. Il pubblico potrà così navigare tra incisioni animate da effetti 3D che permettono di vedere nel dettaglio la finezza dell’esecuzione tecnica. Inoltre, attorno alla mostra, ruoterà un palinsesto di eventi di animazione: da un racconto animato in tre puntate intorno al mito di Raffaello alla proiezione, presso il cinema Anteo, di Raffaello – Il giovane prodigio, fino a una serie di attività per adulti e ragazzi, che reneranno più comprensibile la mostra. La visita si completa con un itinerario in città tra la Pinacoteca Tosio Martinengo, che custodisce due opere di Raffaello (il Redentore e l’Angelo) e l’Ateneo di Brescia – Accademia di Scienze Lettere e Arti, che presenta una serie di stampe raffaellesche di grande formato realizzate da Giovanni Ottaviani e Giovanni Volpato. Dall’Italia ai Balcani Lasciata Brescia, la mostra Raffaello. L’invenzione del divino pittore uscirà dall’Italia per un tour nei Balcani, toccando, in ordine, Zagabria, Tirana e Sarajevo. Cosa c’è di nuovo in mostra? Che rapporto ebbe Raffaello con l’incisione? Sono molti gli incisori che, secondo la tradizione stabilita da Vasari, furono coinvolti dall’Urbinate nell’attività della sua bottega con il compito di tramandare la memoria e garantire la diffusione delle sue invenzioni. In mostra a Brescia vedremo stampe di Giorgio Ghisi, Carlo Maratta, Orazio Borgianni, Nicolas Dorigny.Perché a Brescia una mostra dedicata all’eredità di Raffaello? Nell’Ottocento Brescia, grazie all’operato di Paolo Tosio e del suo circolo di conoscitori e artisti, divenne un nodo importante nella rete di relazioni che determinarono un rinnovamento romantico del mito di Raffaello. L’acquisto, nel 1821, del Redentore trasformò Palazzo Tosio in un polo d’attrazione, come prova un disegno giovanile del Piccio, un’impegnativa copia pittorica della Scuola di Atene realizzata da Giuseppe Bezzuoli.Al Castello Sforzesco Raffaello  e il suo “custode” Giuseppe Bossi Il secondo appuntamento avrà invece luogo a Milano, nelle sale del Castello Sforzesco, dal 27 novembre al 7 marzo 2021, con la mostra Giuseppe Bossi e Raffaello al Castello Sforzesco di Milano, a cura di Claudio Salsi con la collaborazione di Alessia Alberti, Giovanna Mori e Francesca Tasso. Francesco Xanto Avelli, Piatto con L’allegoria della Fama perduta di Roma, 1531 circa, maiolica, Milano, Castello Sforzesco, Museo delle Arti Decorative e StampeA partire da un prezioso nucleo di 30 opere, la mostra consente di approfondire un particolare aspetto della fortuna di Raffaello a Milano tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento. La fama dell’Urbinate passa infatti attraverso l’arte, il gusto collezionistico e gli scritti di Giuseppe Bossi, collezionista e disegnatore appassionato di Raffaello, che ci ha tramandato disegni, incisioni e maioliche rinascimentali tratte da invenzioni dell’Urbinate. Il percorso si snoda tra una selezione di disegni realizzati da Bossi e ispirati alle opere di Raffaello, nei quali ricorrono putti e amorini.Giuseppe Bossi, Danza di putti, inizio XIX secolo, tempera e olio su carta, Milano, Castello Sforzesco, Gabinetto dei DisegniUn’occasione per scoprire il patrimonio del Castello Sforzesco La mostra dedicata al dialogo tra Giuseppe Bossi e Raffaello offre al pubblico anche la possibilità di scoprire il patrimonio storico artistico del Castello Sforzesco attraverso le sue ricche collezioni, accanto alla celebre Pietà Rondanini di Michelangelo e alla Sala delle Asse di Leonardo.Karadjov: “Un palinsesto lungo cinque mesi, aperto a ulteriori collaborazioni” “Sei mesi fa – spiega Stefano Karadjov, co-curatore insieme a Claudio Salsi del progetto Raffaello. Custodi del mito in Lombardia e direttore di Fondazione Brescia Musei – in un momento in cui sembrava che le iniziative culturali fossero destinate a subire un fermo molto più lungo di quello che effettivamente si è verificato, abbiamo deciso di allargare questo progetto. Un progetto che, da un’iniziativa espositiva, ha teso a essere un racconto dell’ordito di questa regione dove il ricordo di Raffaello è particolarmente vivo. Abbiamo così creato un palinsesto aperto a nuove collaborazioni”.All’Accademia Carrara di Bergamo Raffaello e Giulio Paolini per la prima volta a confronto Il ricco programma di iniziative lombarde prosegue a Bergamo, dove, da ottobre a gennaio, all’Accedemia Carrara saranno esposti, per la prima volta insieme, il San Sebastiano di Raffaello e lo Studio per Estasi di San Sebastiano di Giulio Paolini. Raffaello, San Sebastiano, 1501–1502 c., Accademia Carrara, Bergamo | Courtesy: Fondazione Accademia Carrara, BergamoAl Museo Diotti in mostra i cartoni tratti dalla Iustitia e della ComitasDal 24 ottobre, invece, il Museo Diotti di Casalmaggiore, a Cremona, accoglie una mostra dedicata ai cartoni preparatori tratti dalla Iustitia e della Comitas, le due allegorie attribuite alla mano Raffaello, che adornano la sala di Costantino ai Musei Vaticani. I due grandi disegni, donati nel 1846 al comune di Casalmaggiore, sono stati realizzati dal pittore Luigi Quarenghi.I Musei Civici di Pavia intorno alla Strage degli InnocentiDa novembre a febbraio i Musei Civici di Pavia chiuderanno l’anno delle celebrazioni raffaellesche con una serie di iniziative dedicate alla lastra di rame raffigurante la Strage degli Innocenti di Marcantonio Raimondi, fresca di restauro.A Busto Arsizio un “inedito” Giuseppe Bossi Il dialogo tra Giuseppe Bossi e Raffaello prosegue a Busto Arsizio, città natale del grande mecenate, grazie a una mostra che, dal 28 novembre al 7 marzo, raccoglierà dipinti e disegni di impronta raffaellesca, oltre a oggetti di Bossi mai esposti al pubblico. Leggi anche:• Dopo il lockdown, da Brescia il nuovo modello di museo aperto
Source: Arte NEWS

39 commenti su “La Lombardia omaggia Raffaello e i suoi "custodi"”

  1. I just want to say I am just very new to blogs and seriously liked your web site. Very likely I’m going to bookmark your website . You surely have outstanding articles. Appreciate it for sharing with us your website page.

  2. Hey there! Quick question that’s completely off topic. Do you know how to make your site mobile friendly? My blog looks weird when viewing from my iphone. I’m trying to find a template or plugin that might be able to resolve this problem. If you have any suggestions, please share. Cheers!

  3. I simply want to tell you that I am very new to blogging and site-building and truly loved this website. Very likely I’m going to bookmark your blog . You amazingly come with outstanding articles and reviews. Thanks for sharing your website page.

  4. It’s the best time to make some plans for the future and it is time to be happy. I’ve read this post and if I could I desire to suggest you few interesting things or advice. Perhaps you can write next articles referring to this article. I want to read even more things about it!

  5. I just couldn’t leave your web site before suggesting that I really loved the usual information an individual provide in your guests? Is gonna be back frequently to check out new posts

  6. Hi! Someone in my Facebook group shared this site with us so I came to give it a look. I’m definitely enjoying the information. I’m book-marking and will be tweeting this to my followers! Great blog and outstanding style and design.

  7. Most of whatever you mention is astonishingly precise and that makes me wonder the reason why I had not looked at this in this light previously. This particular piece truly did switch the light on for me as far as this subject matter goes. Nonetheless there is actually one particular factor I am not really too cozy with so while I make an effort to reconcile that with the actual core idea of the point, allow me observe exactly what all the rest of your subscribers have to say.Very well done.

  8. One thing is the fact one of the most common incentives for utilizing your credit cards is a cash-back and also rebate offer. Generally, you’ll receive 1-5 back for various expenditures. Depending on the card, you may get 1 returning on most buying, and 5 back on buying made from convenience stores, gas stations, grocery stores as well as ‘member merchants’.

  9. Spot on with this write-up, I truly suppose this web site wants way more consideration. I’ll most likely be again to read much more, thanks for that info.

  10. hello there and thank you for your information – I have certainly picked up something new from right here. I did however expertise a few technical issues using this web site, since I experienced to reload the web site lots of times previous to I could get it to load correctly. I had been wondering if your hosting is OK? Not that I’m complaining, but slow loading instances times will often affect your placement in google and can damage your quality score if ads and marketing with Adwords. Well I am adding this RSS to my e-mail and can look out for a lot more of your respective exciting content. Ensure that you update this again very soon..

  11. I have to thank you for the efforts you have put in penning this blog. I am hoping to check out the same high-grade content by you in the future as well. In truth, your creative writing abilities has inspired me to get my own blog now 😉

  12. I simply want to say I’m newbie to blogs and really enjoyed you’re web site. Very likely I’m going to bookmark your blog . You definitely have remarkable well written articles. Kudos for sharing your web-site.

  13. fantastic post, very informative. I wonder why the other specialists of this sector do not notice this. You should continue your writing. I am confident, you have a huge readers’ base already!

  14. Im no professional, but I imagine you just made the best point. You certainly understand what youre talking about, and I can actually get behind that. Thanks for staying so upfront and so sincere.

  15. My wife and i felt fortunate Jordan could conclude his basic research with the precious recommendations he grabbed out of your weblog. It is now and again perplexing to just find yourself freely giving instructions other people might have been selling. We acknowledge we need the website owner to be grateful to because of that. Those explanations you have made, the easy blog menu, the friendships you aid to foster – it’s got all superb, and it’s letting our son and our family understand the concept is satisfying, and that is incredibly important. Thank you for the whole lot!

  16. I blog quite often and I truly appreciate your content. Your article has truly peaked my interest. I will take a note of your website and keep checking for new information about once per week. I opted in for your RSS feed too.

  17. I’d need to talk with you here. Which isn’t something I usually do! I quite like reading an article that could make people think. Also, appreciate your allowing me to comment!

  18. Good web site you’ve got here.. It’s difficult to find excellent writing like yours nowadays. I really appreciate people like you! Take care!!

  19. Hello, i think that i saw you visited my weblog so i came to “return the prefer”.I’m trying to to find things to improve my site!I suppose its adequate to use a few of your ideas!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.