Viaggio a Matera. Perché è il momento giusto per visitare la Città dei Sassi

Matera tira un respiro. Dopo il silenzio surreale del lockdown, per le strade dei Sassi i bar e i ristoranti riaprono alla spicciolata. Sul Piano – il salotto cittadino di impronta settecentesca – la vita è già tornata a brulicare. Nei rioni antichi, scavati sul costone di roccia che digrada verso il Canyon della Gravina, la ripresa ha un altro ritmo. Di notte intravedi una coppia di volpi, distingui il canto della civetta, ti fermi a osservare i gatti in amore; di giorno le rondini e i falchi grillai dominano la scena. Senti il profumo dell’erba che arriva dall’Altopiano della Murgia, punteggiato di grotte, o quello della mimosa selvatica che cresce sul burrone. Al chiarore della luna, gruppetti di giovani del posto si riprendono i rioni antichi dopo il pienone del 2019, quando Matera è stata Capitale Europea della Cultura. Sono passati pochi mesi, ma sembra un’eternità. Tra i vicoli dei Sassi si avverte di nuovo il soffio del tempo, ultimamente coperto dal respiro affannoso dei turisti sulle scalinate. Case scavate nella roccia, chiese rupestri sorprendentemente decorate, palazzotti nobiliari, cantine e cisterne sono pronte a raccontare ancora la lunga vita che le ha portate fin qui: questa volta senza fretta, folle e clamori. I Sassi di Matera,  Patrimonio dell’UNESCO | Foto: Pablo Debat via ShutterstockPer chi ama un turismo tranquillo, senza cesure rispetto alla vita quotidiana della città, e desidera gustare la poesia dei luoghi al di là dei grandi eventi, è questo il momento di visitare Matera. Risparmiata dai rigori della pandemia e arricchita dai lavori svolti in vista del 2019, la Città dei Sassi è pronta a offrire gioielli di d’arte restaurati di recente, percorsi museali di nuova concezione, itinerari aggiornati lungo il corso di milioni di anni. Dall’archeologia al contemporaneo, dalla pittura rupestre alla scultura, ce n’è davvero per tutti. Ma soprattutto c’è un immenso museo a cielo aperto da esplorare come si fa con gli Scavi di Pompei o il Parco di Selinunte, ma con più libertà di movimento e con il gusto dell’imprevisto, della vita: perché tra una visita guidata e un aperitivo, può capitare di scambiare due chiacchiere con un artigiano al lavoro o con un vecchietto che si prepara a fare il vino, e di scoprire come le tradizioni si declinino al presente. I Sassi, un’architettura senza architetto Inutile dirlo: il paesaggio a Matera fa la parte del leone. Basta affacciarsi da una balaustra per restare ammutoliti. Chi ha progettato una simile meraviglia? Nessuno può attribuirsene il merito. I Sassi sono una straordinaria creazione collettiva, frutto della millenaria interazione degli uomini con le risorse della terra. È questo il motivo dell’inclusione della città all’interno del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, che ai rioni antichi ha riconosciuto la denominazione di “paesaggio culturale”. In un labirinto di case di tufo, scalinate e scorci mozzafiato, nulla è come appare: quel campanile che sembra così lontano è raggiungibile in dieci minuti, mentre la stradina che stai percorrendo è in realtà il tetto della grotta sottostante. Nei secoli Matera ne ha viste di storie: dagli insediamenti preistorici allo sviluppo della civiltà rupestre, dallo sfollamento degli anni Cinquanta all’ingresso nell’Unesco World Heritage, che nel 1993 ne ha segnato il rilancio. Il posto adatto per avere un’idea di questo lungo cammino è Casa Noha, un’antica dimora oggi appartenente al FAI dove la memoria si fa racconto in un coinvolgente viaggio multimediale. I Sassi di Matera | Foto: SviluppoApparizioni in punta di pennello: i colori della pittura in grotta Il bianco dorato del tufo, il verde e il giallo della vegetazione non sono gli unici colori dei Sassi: in epoche lontane pittori esperti hanno impreziosito le pietre scavate con incredibili decorazioni. Santi dallo sguardo ieratico, madonne dai volti bizantineggianti, raffinati motivi ornamentali sono pronti a sorprenderci dalla fresca penombra delle 155 cripte e chiese rupestri presenti sul territorio materano. La loro storia inizia nell’alto Medioevo, con l’arrivo da Est dei monaci messi in fuga da iconoclasti e saraceni. A Matera trovano un ambiente non troppo dissimile da quello di provenienza: vivono da asceti nelle grotte e fondano cenobi, che ampliano al bisogno scavando nuove stanze nella roccia friabile. Le loro tradizioni si intrecceranno con l’altra cultura monastica in ascesa, quella dei Benedettini, in una pittura che è un abbraccio tra Oriente e Occidente. Affreschi da poco restaurati attendono i visitatori a Santa Maria de Idris e San Giovanni in Monterrone, che dominano i Sassi da uno sperone di roccia a strapiombo sulla Gravina, mentre il complesso della Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci mostra come la stratificazione storica possa aver dato luogo ad architetture articolate e affascinanti. Se con i suoi misteriosi sotterranei San Pietro Barisano è la chiesa rupestre più estesa dell’abitato, Santa Barbara sfoggia ancora la sua architettura bizantina e le pitture murali di Santa Lucia alle Malve sono testimoni di antichi culti legati al femminile, nell’area sacra del cosiddetto cimitero barbarico. Nella Cappella Sistina dell’arte rupestre Fuori città, tra i vigneti e la macchia mediterranea, c’è un piccolo gioiello che è diventato il simbolo dell’arte rupestre: è la Cripta del Peccato Originale, ricavata da una grotta a strapiombo sulla Gravina e interamente affrescata in epoca longobarda dal misterioso Pittore dei Fiori. Negli anni Sessanta del ‘900 fu un pastore a segnalare la presenza di questo tesoro dimenticato, raccontando in giro che dormiva con le sue pecore in un ovile abitato dai santi sul ciglio della Gravina. Le ricerche successive, un accurato restauro e un progetto di valorizzazione hanno offerto nuova vita all’antica Grotta dei Cento Santi, oggi nota come “Cappella Sistina dell’arte rupestre”. Linee semplici e raffinate caratterizzano lo stile del “Michelangelo” che tra l’VIII e il IX secolo la impreziosì con le scene della Creazione e del Peccato Originale, le figure degli Apostoli, gli Arcangeli e la Vergine Regina, tutti insieme su un tappeto di fiori rossi. Pitture rupestri nella Cripta del Peccato Originale, Matera | Foto: Synchronos, MateraMatera, città d’acqua Tra i ritrovati di un ingegno secolare, a Matera merita una menzione il sistema di raccolta delle acque: una fitta rete di canali e cisterne ipogee raccoglieva le acque piovane, le depurava e le accompagnava fino a un passo dalla porta di casa o addirittura all’interno. In tempi di emergenza ambientale avremmo molto da imparare da questo patrimonio che non è più in funzione, ma che fortunatamente è ancora visibile. Possiamo scoprirne i segreti grazie a grotte e cisterne di diverse dimensioni aperte al pubblico nei Sassi . Ma il luogo più suggestivo per farsi un’idea è il Palombaro Lungo, un’immensa cisterna che riposa sotto la piazza principale della Città dei Sassi. Soprannominato “la cattedrale d’acqua” per le proporzioni maestose (18 metri di altezza e 50 di larghezza per una capienza di 5 milioni di litri), il Palombaro è stato riportato alla luce negli anni Novanta insieme a una porzione dell’abitato di cui si era persa memoria: botteghe, abitazioni, magazzini e neviere, più una grossa torre di epoca aragonese. Sculture nella scultura: il contemporaneo è di casa al Musma Il fascino delle origini non è tutto. Per chi ha voglia di mescolare passato e presente, la Città dei Sassi ha in serbo più di una sorpresa. Il Musma – Museo della Scultura Contemporanea sfoggia una collezione che attraversa il Novecento coprendo anche grafica e disegno (Medardo Rosso, Arturo Martini, Fausto Melotti, Mirko Basaldella, Francesco Messina, Piero Consagra, Bruno Munari, Piero Manzoni, Emilio Isgrò, giusto per citarne alcuni) e si arricchisce ogni anno di nuovi progetti site specific. Dalla Street Art di Gomez alle storie che hanno segnato l’Italia secondo Jasmine Pignatelli, dai video di Valerio Rocco Orlando alla dittatura dei social network teorizzata da Saverio Todaro, i fermenti del presente penetrano tra le mura dell’immenso Palazzo Pomarici, che l’immaginario popolare ha battezzato “Casa delle Cento Stanze”. La peculiarità del Musma è quella di ospitare “sculture in una scultura”: altro non sono infatti i suoi ipogei scavati nel tufo da mani anonime, dove le opere trovano posto in un allestimento di potente atmosfera. Ipogeo III, Matera, MUSMA | Foto: Pierangelo LaterzaDalla Spagna ai Sassi. A Casa Ortega storie d’arte e di libertà Non lontano dal Musma, lungo l’antica cinta muraria, si trova un altro luogo d’arte da non perdere. Su una fortificazione longobarda sorge il palazzo che il pittore Josè Ortega elesse a proprio rifugio durante l’esilio dalla Spagna franchista. Lo sfollamento degli anni Cinquanta aveva trasformato i Sassi in una città quasi fantasma, sfondo di povere vite, esperimenti hippie e scorribande di bambini. L’artista vi trovò l’ispirazione per quadri coloratissimi in cui riconosciamo le influenze di Goya e di El Greco, di Picasso e di Mirò. La bidimensionalità della pittura è superata grazie all’uso della cartapesta, ben radicato nella tradizione locale con cui l’artista entrò presto in contatto. A Casa Ortega mobili, maioliche e decorazioni realizzate dagli artigiani del posto disegnano lo spazio intorno ai cicli pittorici dell’autore spagnolo, raccontando storie di amicizia e di reciproco arricchimento. Al Parco della Palomba, dove nasce la materia La pietra è l’anima di Matera. Ma da dove arriva il calcare che dà forma a chiese e palazzi? Lo scopriamo fuori dall’abitato, dove le cave di tufo sono parte del paesaggio. In Contrada la Palomba, tra i rilievi e le grotte della Murgia, lo scultore Antonio Paradiso ha fatto di una cava in disuso un atelier a cielo aperto. Nell’insolito scenario di Cava Paradiso le sculture del padrone di casa accolgono i lavori realizzati da artisti contemporanei in residenza: un dialogo tra l’uomo e la materia, tra le forme dell’arte e quelle della natura che ha colpito i partecipanti agli eventi di Matera 2019, quando il parco è stato teatro di un fortunato ciclo di mostre. Castello Tramontano, Matera | Foto:  AntonioMT88 (Own work) via Wikimedia Creative Commons / Wiki Loves Monuments Italia 2015Dal Neolitico al Novecento, i mille volti della memoria Non solo Sassi : dal Colle della Civita, scrigno dei palazzi più pregiati, al Castello Aragonese del conte Tramontano, ogni epoca ha le sue vicende da raccontare attraverso architetture e opere d’arte. C’è la ricca Cattedrale in stile romanico pugliese, che durante i lavori di restauro ha svelato nuovi affreschi e ambienti ipogei: tra decorazioni stratificate è possibile leggervi la storia della città. E ci sono le numerose chiese del Piano, il centro storico nobile separato dalla “vergogna” dei rioni popolari. Il Medioevo è di casa a San Giovanni Battista, che conserva l’aspetto originario a partire da immaginifici capitelli zoomorfi, mentre il Barocco svela il suo volto più tenebroso nella Chiesa del Purgatorio, decorata da teschi e simboli di morte, dove assistere ai riti di religioni diverse da quella cattolica. Per chi desidera scoprire le origini della vita a Matera e nel suo territorio, il posto giusto è il Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola, dove un allestimento di nuova concezione spazia tra la preistoria e la Magna Grecia, tra il racconto di memorabili campagne di scavo, il mistero dei reperti neolitici, la bellezza dei vasi istoriati ritrovati in zona. A pochi passi da qui, nell’area settecentesca della città, Palazzo Lanfranchi ospita il Museo Nazionale di Arte Medievale e Moderna della Basilicata, che nel 2019 il pubblico ha conosciuto grazie alla grande mostra Rinascimento visto da Sud. Nelle stanze dell’ex seminario tele, tavole dipinte, sculture, manufatti in legno o in pietra ripercorrono l’avventura dell’arte e del collezionismo in regione, mentre i quadri di Carlo Levi – tra cui l’imponente Lucania ’61 – traducono in immagini le esperienze che l’intellettuale torinese narrò nel libro Cristo si è fermato a Eboli. All’esterno un’ultima sorpresa: una terrazza dal panorama mozzafiato, per ammirare dall’alto il Sasso Caveoso e guardare un bel film all’aperto nelle sere d’estate.Il Duomo di Matera | Foto: Gianni Crestani via Pixabay
Source: Arte NEWS

49 commenti su “Viaggio a Matera. Perché è il momento giusto per visitare la Città dei Sassi”

  1. I just want to mention I am new to blogging and site-building and seriously enjoyed this web site. Likely I’m likely to bookmark your blog . You certainly have tremendous well written articles. Thanks for sharing with us your web page.

  2. I just want to tell you that I am new to blogging and site-building and definitely enjoyed this web blog. Almost certainly I’m going to bookmark your blog post . You amazingly come with outstanding articles and reviews. Regards for revealing your web-site.

  3. Thanks for sharing excellent informations. Your site is very cool. I’m impressed by the details that you’ve on this blog. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this website page, will come back for extra articles. You, my pal, ROCK! I found just the info I already searched everywhere and just could not come across. What a perfect web-site.

  4. Nice weblog here! Also your site rather a lot up fast! What web host are you the usage of? Can I am getting your affiliate link in your host? I want my site loaded up as quickly as yours lol

  5. I just want to tell you that I am all new to blogging and definitely liked this page. More than likely I’m likely to bookmark your website . You absolutely come with remarkable stories. With thanks for revealing your web site.

  6. great submit, very informative. I wonder why the other experts of this sector do not understand this. You should proceed your writing. I am confident, you have a huge readers’ base already!

  7. Greetings from Ohio! I’m bored to death at work so I decided to browse your website on my iphone during lunch break. I enjoy the information you provide here and can’t wait to take a look when I get home. I’m surprised at how quick your blog loaded on my cell phone .. I’m not even using WIFI, just 3G .. Anyhow, amazing blog!

  8. Can I simply say what a relief to discover someone who truly understands what they’re talking about on the net. You certainly know how to bring an issue to light and make it important. More and more people must look at this and understand this side of the story. I was surprised you are not more popular because you surely possess the gift.

  9. Undeniably consider that that you stated. Your favorite reason appeared to be on the internet the easiest thing to take note of. I say to you, I definitely get annoyed even as people think about issues that they plainly do not realize about. You managed to hit the nail upon the top and defined out the whole thing with no need side effect , other people can take a signal. Will likely be again to get more. Thank you

  10. I just want to mention I am just beginner to blogging and site-building and certainly enjoyed this web site. Almost certainly I’m planning to bookmark your blog . You surely have outstanding articles and reviews. With thanks for sharing with us your website.

  11. One other thing I would like to state is that in lieu of trying to match all your online degree courses on days and nights that you end work (since the majority of people are tired when they get home), try to arrange most of your instructional classes on the week-ends and only a couple of courses in weekdays, even if it means taking some time off your saturdays. This is really good because on the saturdays and sundays, you will be much more rested plus concentrated on school work. Thanks alot : ) for the different recommendations I have learned from your web site.

  12. Hello! Do you know if they make any plugins to safeguard against hackers? I’m kinda paranoid about losing everything I’ve worked hard on. Any suggestions?

  13. Hi there, just became aware of your blog through Google, and found that it’s really informative. I am going to watch out for brussels. I will be grateful if you continue this in future. Many people will be benefited from your writing. Cheers!

  14. Hi! This is my first visit to your blog! We are a collection of volunteers and starting a new project in a community in the same niche. Your blog provided us valuable information to work on. You have done a extraordinary job!

  15. Aw, this became an extremely good post. In notion I have to put in writing like that moreover – taking time and actual effort to produce a really good article… but exactly what can I say… I procrastinate alot and no indicates manage to go carried out.

  16. After study a few of the blogs on your website now, we really such as your method of blogging. I bookmarked it to my bookmark website list and will be checking back soon. Pls look into my web site at the same time and told me what you consider.

  17. Right here is the perfect website for anybody who hopes to find out about this topic. You know a whole lot its almost tough to argue with you (not that I actually would want to…HaHa). You definitely put a fresh spin on a topic that’s been discussed for many years. Wonderful stuff, just excellent.

  18. This design is spectacular! You most certainly know how to keep a reader entertained. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost…HaHa!) Great job. I really enjoyed what you had to say, and more than that, how you presented it. Too cool!

  19. Oh my goodness! Incredible article dude! Thanks, However I am going through difficulties with your RSS. I don’t understand the reason why I can’t subscribe to it. Is there anybody having similar RSS problems? Anybody who knows the answer can you kindly respond? Thanx!

  20. Amazing blog! Do you have any suggestions for aspiring writers? I’m planning to start my own site soon but I’m a little lost on everything. Would you propose starting with a free platform like WordPress or go for a paid option? There are so many options out there that I’m completely overwhelmed .. Any suggestions? Thank you!

  21. Howdy, I do think your web site may be having browser compatibility issues. When I look at your site in Safari, it looks fine however, if opening in Internet Explorer, it has some overlapping issues. I just wanted to provide you with a quick heads up! Apart from that, excellent website!

  22. Hi there this is kind of of off topic but I was wanting to know if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding knowledge so I wanted to get guidance from someone with experience. Any help would be greatly appreciated!

  23. This is the perfect site for anyone who wants to understand this topic. You understand a whole lot its almost hard to argue with you (not that I personally would want to…HaHa). You definitely put a fresh spin on a topic which has been written about for ages. Excellent stuff, just great.

  24. Thank you for sharing superb informations. Your site is so cool. I’m impressed by the details that you have on this site. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this web page, will come back for more articles. You, my pal, ROCK! I found simply the information I already searched everywhere and simply could not come across. What an ideal web-site.

  25. Hello, Neat post. There’s a problem with your website in internet explorer, could check this¡K IE nonetheless is the marketplace leader and a big component of other people will omit your great writing because of this problem.

  26. Generally I do not read article on blogs, but I would like to say that this write-up very pressured me to check out and do it! Your writing style has been surprised me. Thanks, very nice post.

  27. Pretty part of content. I just stumbled upon your web site and in accession capital to assert that I acquire in fact loved account your blog posts. Any way I will be subscribing in your feeds or even I achievement you get right of entry to consistently quickly.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.