Villa Borghese con gli occhi di Giacomo Balla

Alcuni di quei tronchi “che cantano tra la luce della sera” non ci sono più. Ma ci piace immaginare che le statue, la Fontana raffigurata in un pastello, le ombre sul prato, gli alberi, le siepi del ridente giardino romano, siano gli stessi sfiorati dallo sguardo di Giacomo Balla che …
Source: Arte NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.